Salta al contenuto principale

Stretching prima o dopo dell'uscita in bici?

Il termine stretching deriva dalla lingua inglese e il suo significato è “stiramento, allungamento”.

Questo vocabolo identifica un allungamento indotto di muscoli, tendini e articolazioni. Considerando nell’insieme il sistema corpo, è difficile pensare di poter allungare un solo muscolo in quanto assieme ad esso si allungheranno anche i suoi legami con l’articolazione e tutto ciò che in esso è contenuto, questa forza sarà trasmessa anche all’osso.

Nel ciclismo, in particolare durante la pedalata, lavorano in contemporanea i muscoli degli arti inferiori, responsabili di generare movimento, assieme ai muscoli del tronco e delle braccia i quali devono stabilizzare la parte superiore dal basculamento indotto dalla pedalata.

E’ noto che un muscolo mantenuto in contrazione isometrica per molto tempo tende ad accorciarsi riducendo la sua lunghezza ed elasticità.

E’ quindi fondamentale per un buon recupero, e per evitare danni ad esso, ridistenderlo per portarlo alla sua lunghezza ottimale. Inoltre, l’elasticità muscolare è una componente  generante la potenza espressa, e quindi vien da se dire che un muscolo elastico e allungato è indispensabile per la buona riuscita degli allenamenti un veloce recupero ed un buon risultato in gara.

Grazie allo stretching andremo a creare un “riflesso inverso da stiramento”, ossia inibiremo il riflesso generato dall’organo tendineo del Golgi, allungando oltre misura le fibre e generando cosi un rilassamento della muscolatura.

Quando è consigliato lo stretching?

Sicuramente non prima di una competizione in quanto generare rilassamento in un muscolo significa metterlo in una condizione di “torpore”. È come se in griglia di partenza ci sdraiassimo su una poltrona a scrutare l’orizzonte ad occhi chiusi.

Il momento migliore per rilassare la muscolatura è post allenamento/gara. A parer mio è consigliabile aspettare che vi sia un primo rapido recupero e un abbassamento della frequenza cardiaca per far si che il sangue rimuova quante più tossine possibili. Una volta reintegrate le scorte di zuccheri e riposato qualche ora, è il momento ideale per una seduta di allungamento.

Concludendo, consiglio di lavorare sui grandi distretti muscolari concentrandosi soprattutto sulla parte posteriore del corpo. Grazie allo stretching migliorerete la vostra elasticità cosi da far crescere la performance e ridurre la possibilità di incorrere in infortuni.

Per maggiori informazioni puoi contattarmi attraverso il modulo contatti del mio sito oppure inviando una mail a info@powerandride.it